It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Il periodo delle festività porta con sé una lunga serie di pranzi e cene luculliane, che possono essere gradevoli per il palato ma che risultano meno positive per il giro vita e per la salute. Spesso, infatti, a gennaio ci si ritrova con qualche chilo in più e con valori di colesterolo più elevati, proprio a causa dei tanti eccessi alimentari. Cosa fare per rimediare?

Il brutto delle feste: sale il colesterolo

Uno studio effettuato presso l’Università di Copenaghen ha dimostrato quello che in fondo già tutti sospettavano: gli stravizi del periodo natalizio hanno effetto negativo sui valori di colesterolo. All’interno di questa indagine, sono stati confrontanti i valori di 25 mila partecipanti rilevati nel periodo maggio-giugno con quelli di dicembre-gennaio, ed è stato riscontrato un incremento del 15% del colesterolo totale, e del 20% del cosiddetto colesterolo “cattivo”, ovvero il colesterolo LDL, che tende a depositarsi nelle pareti delle arterie e ad aumentare il rischio di malattie cardiovascolari.

Quali sono i cibi che maggiormente contribuiscono a peggiorare i livelli di colesterolo cattivo? Prima di tutto i grassi, quindi i condimenti ricchi di burro, ma anche molte carni, tra cui i volatili con la pelle, tipici del pranzo di Natale, e le uova, presenti in abbondanza nella tradizionale crema al mascarpone servita a fine pasto. Altri alimenti dannosi per le arterie, di cui si abusa frequentemente durante le feste, sono formaggi, insaccati e dolci.

I cibi giusti per combattere il colesterolo

Finiti i bagordi, è il momento di rimettersi in riga e adottare abitudini alimentari più sane, se si vogliono evitare conseguenze anche serie per la propria salute. L’importante è evitare digiuni ed eccessive privazioni, perché si finirebbe per stancarsi in poco tempo e riprendere subito il peso perso, con un effetto yo-yo molto negativo per l’equilibrio del metabolismo. Molto meglio optare per un’alimentazione equilibrata che non costringa a rinunciare al piacere del cibo.

Via libera quindi a frutta e verdura di stagione, fonti di importanti sostanze nutritive, da assumere anche sotto forma di frullati e passati, per fare un pieno di vitamine e antiossidanti. Melograno, agrumi, cavoli e cavolfiori sono particolarmente indicati. Utile anche la barbabietola rossa, per eliminare le tossine e migliorare la circolazione.

Per quanto riguarda la pasta, è da prediligere quella integrale, da alternare a riso e altri cereali come farro e orzo, sempre integrali, in abbinamento alle verdure. Anche il pesce è un alimento adatto a contrastare il colesterolo alto, con particolare riguardo al salmone fresco, ricco di omega 3.

Oltre al cibo, è utile ricordarsi di assumere i liquidi necessari, sotto forma di acqua ma anche di tè, decotti, estratti e tisane, scegliendo gli ingredienti adatti a un’azione depurativa, come finocchio, limone, tarassaco e menta.

Il ruolo dell’attività fisica

Insieme a una corretta alimentazione, non bisogna tralasciare di praticare esercizio fisico: è consigliata un’attività di media intensità per 30/45 minuti, almeno 3 volte a settimana. Se non si è appassionati di sport, anche una camminata a passo veloce va bene, pur di muoversi in maniera regolare, dopo troppo tempo passato a tavola durante le festività.

Stai lasciando l'area PAG

Ora sarai reindirizzato su un contenuto dell'area pubblica