It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

La rinosinusite cronica con polipi nasali, chiamata comunemente poliposi nasale, è una malattia infiammatoria cronica che colpisce dal 2 al 4% degli adulti nel mondo e determina, in molti casi, un impatto pesante sulla vita del paziente, a causa dei disturbi correlati e della sua ricorrenza.

Cos’è la poliposi nasale

La poliposi nasale comporta lo sviluppo di escrescenze benigne all’interno del rivestimento delle cavità nasali, solitamente a seguito di un’infiammazione di lungo periodo, e può essere collegata ad allergie o a infezioni. In molti pazienti, questa condizione è associata ad altre patologie, come l’asma.

I polipi nasali possono essere particolarmente grandi o multipli e arrivare a ostruire le cavità nasali.

Tra i sintomi persistenti più comuni di questa patologia, rientrano:

  • perdita o diminuzione del senso dell’olfatto e del gusto;
  • ostruzione/congestione nasale;
  • mal di testa e dolore o compressione facciale;
  • rinorrea e/o gocciolamento retro-nasale;
  • senso di ovattamento auricolare.

Ricorrenza dei sintomi

A differenza di come accade con un normale raffreddore stagionale, questi disturbi sono determinati da una malattia cronica e il paziente deve quindi conviverci per tutta la vita. Anche se i trattamenti della patologia si sono evoluti e permettono una migliore gestione dei sintomi, l’impatto sulla quotidianità rimane pesante e condiziona l’esistenza sotto diversi aspetti. La cronicità è uno dei lati più complessi da affrontare, perché determina un grande senso di frustrazione dovuto al frequente alternarsi di presenza di sintomi, ricorso ai trattamenti, sollievo momentaneo e ricomparsa dei sintomi.

Nonostante le terapie farmacologiche e chirurgiche, i polipi nasali tendono infatti a ripresentarsi, generando forme di ansia e di depressione.

Riduzione della qualità della vita

La poliposi annovera fra i suoi sintomi più diffusi la forte riduzione o addirittura la perdita del senso dell’olfatto, fenomeno che influenza negativamente la vita di tutti i giorni. I pazienti si sentono infatti deprivati dal piacere del mangiare e del bere e prigionieri di un’esistenza a metà, spesso caratterizzata anche da perdita di memoria olfattiva. Inoltre, l'annullamento del piacere del mangiare e bere determina in chi soffre di poliposi nasale la rinuncia a tante occasioni di socialità, come una cena fuori con gli amici.

Un naso che gocciola continuamente suscita di frequente senso di disagio e di imbarazzo nel paziente. La congestione nasale causa spesso anche difficoltà di respirazione che, a sua volta, non permette di dormire bene.

La sofferenza fisica, in questo circolo vizioso di riproposizione dei sintomi, va quindi a influenzare la qualità della vita e a generare forme di sofferenza emotiva.

Difficoltà di diagnosi

Un altro aspetto da sottolineare riguarda il difficile percorso diagnostico che in molti casi i pazienti di poliposi nasale sono costretti ad affrontare, a causa della scarsa specificità dei sintomi. Dover aspettare tanto tempo prima di ottenere una diagnosi corretta, fra consulti medici ed esami, aumenta il senso di frustrazione, oltre a posticipare l’individuazione e la somministrazione di una terapia adeguata.

Poliposi nasale

Stai lasciando l'area PAG

Ora sarai reindirizzato su un contenuto dell'area pubblica