It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Non esiste una dieta specifica per chi soffre di una neoplasia mieloproliferativa cronica, un regime alimentare cioè che abbia un impatto specifico su alcuni indicatori di malattia, come la conta delle piastrine o l’ematocrito. Tuttavia, una dieta equilibrata può contribuire a ridurre il rischio di importanti complicanze, come quelle a carico del sistema cardiovascolare. In generale, quindi, ai pazienti con MPN viene consigliato di seguire la dieta mediterranea, già ampiamente studiata per i suoi benefici nella prevenzione e gestione di numerose malattie, fra cui anche i tumori. Per cercare di dimostrare un’azione specifica di questo regime alimentare sulle persone con mielofibrosi, policitemia vera o trombocitemia essenziale è attualmente in corso uno studio clinico su 900 persone con malattie mieloproliferative, iniziato dopo che una prima sperimentazione aveva dimostrato la fattibilità per i pazienti di seguire questa dieta.

Alimenti no

Nessun divieto, quindi, ma una forte raccomandazione a limitare l’assunzione di carni rosse e formaggi, così come in generale grassi animali, caffè e alcolici. Prudenza anche con gli zuccheri semplici e i cibi processati. Meglio preferire un’alimentazione ricca di frutta e verdura, pesce, farine integrali e condire esclusivamente con olio extravergine di oliva. In questo modo è possibile mantenersi in forma e allo stesso tempo diminuire alcuni fattori di rischio cardiovascolari, come il colesterolo LDL, il cosiddetto colesterolo cattivo.

Cibi da evitare se hai una neoplasia mieloproliferativa cronica

Pericolo malnutrizione

Alcuni sintomi delle neoplasie mieloproliferative croniche e delle terapie a cui i pazienti si sottopongono - dolori addominali, nausea, diarrea - possono rendere difficoltoso mangiare adeguatamente. È quindi importante non solo seguire un regime alimentare equilibrato e sano, ma anche valutare lo stato nutrizionale per evitare la malnutrizione. In caso di effetti collaterali importanti o di una perdita di peso è necessario discutere con il proprio medico sulla dieta più indicata da seguire.

Monitorare il proprio stato

Per tenere sotto controllo anche i sintomi legati all’alimentazione - come la sensazione di inappetenza o la perdita di peso - può essere usato MPN Tracker, uno strumento online facile da usare che registra, e poi rende disponibili, i dati relativi ad alcuni sintomi importanti per comprendere come una neoplasia mieloproliferativa stia evolvendo.

Una volta sul sito, basta selezionare la malattia di cui si soffre per essere indirizzati a un questionario di monitoraggio dei sintomi principali, fra cui appunto anche quelli relativi alla nutrizione. Tutti andranno valutati con una scala da 0 a 10, ottenendo così un punteggio finale che rappresenta lo stato in quel giorno. Salvando i risultati sarà poi possibile metterli a confronto con quelli ottenuti prima e dopo, così da avere informazioni dettagliate sull’evoluzione dei sintomi che potranno essere discusse con il medico curante.

22/06/2022

Stai lasciando l'area PAG

Ora sarai reindirizzato su un contenuto dell'area pubblica