It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

All’interno dell’ampio panorama di discipline alimentari, un ruolo importante è ricoperto a livello internazionale dalla dieta macrobiotica, che unisce principi filosofici e norme di alimentazione e che riscuote molto successo anche fra le star hollywoodiane. Proviamo a capire nel dettaglio come funziona questo regime e quali siano pregi e possibili pericoli.

La dieta macrobiotica: origini ed estimatori celebri

La dieta macrobiotica nasce in Giappone per poi diffondersi nel mondo occidentale fra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento. Si tratta, almeno in origine, di una vera e propria filosofia di vita, che mette al centro l’equilibrio fra corpo e mente, raggiungibile attraverso l’alimentazione, che può aprire le porte a una “lunga vita”, che è proprio il significato del termine macrobiotico.

Al giorno d’oggi, l’aspetto che più viene apprezzato riguarda di solito l’effetto dimagrante che questa dieta comporta e che attrae personaggi del calibro di Madonna, Gwyneth Paltrow e Scarlett Johansson. Precursori della moda sono stati John Lennon e Yoko Ono, affascinati anche dalla componente spirituale del metodo macrobiotico.

I principi della dieta macrobiotica: cibi Yin e cibi Yang

La macrobiotica si basa sulla suddivisione degli alimenti in 2 categorie: cibi Yin e cibi Yang. I cibi Yin sono in genere cibi freschi e acidi, di consistenza morbida e succosa, come frutta e verdura. I cibi Yang, invece, sono caratterizzati da sapori forti come il sale, le spezie e la carne.

Un’alimentazione sana dovrebbe attingere in maniera equilibrata da entrambi i gruppi, prediligendo una modalità di cottura lenta e prolungata e la preparazione di zuppe. Questo regime prevede anche di prestare particolare attenzione a masticare molto gli alimenti, in modo da facilitarne la digestione.

I cibi prediletti dalla dieta macrobiotica

Secondo questo tipo di impostazione, è importante seguire la stagionalità degli alimenti e vivere in armonia con la natura, favorendo il consumo di frutta e verdura del periodo, preferibilmente locale e biologica. Anche se non è precluso il consumo di carne, la dieta macrobiotica mette in primo piano alimenti di origine vegetale, come legumi, cereali e verdure non amidacee. Le proteine animali sono ammesse, ma in piccole quantità e soprattutto sotto forma di pesce azzurro, limitando al contrario le carni rosse e processate. Il sale va ridotto il più possibile e comunque consumato solo di mare; al suo posto è pre-ferito l’utilizzo di spezie ed erbe aromatiche.

Cibi molto utilizzati sono: 

  • le verdure, soprattutto carote, rape, cavoli e cipolle;
  • le alghe, come nori, wakame, kombu e agar agar;
  • il miso, una pasta che deriva dalla fermentazione della soia gialla e che serve come condimento o insaporitore;
  • i cereali integrali, come riso, grano saraceno, miglio, orzo, mais, segale, avena e segale:
  • tè verde e caffè d’orzo.

Cibi da evitare

In generale, sono banditi i cibi sofisticati, i dolci e lo zucchero. Da evitare anche pomodori, patate, melanzane e frutta tropicale, mentre va limitato il consumo di latte e derivati e il caffè.

Pregi e rischi

La dieta macrobiotica apporta una buona percentuale proteica, anche se per lo più di origine vegetale, e un ridotto livello di colesterolo. La quota di cereali integrali aiuta a garantire la copertura di fabbisogno energetico e di fibre. Risulta anche positiva la preferenza accordata al pesce rispetto alla carne, che favorisce l'acquisizione di omega 3 e omega 6, importanti per il benessere dell’organismo.

C’è però da considerare che, rispetto ai principi generali, l’applicazione pratica di questo tipo di alimentazione è molto variabile e comprende versioni meno restrittive, che includono per esempio pesce e carne, fino a una dieta strettamente vegana e spesso sbilanciata, che permette una rapida riduzione del peso ma che può determinare anche rischi per la salute, soprattutto se protratta nel tempo. Bisogna quindi prestare molta attenzione a non andare incontro a carenze nutrizionali, chiedendo un parere medico e prevedendo l’adeguato apporto di ferro, calcio, zinco, vitamina B12 e vitamina D, le cui quantità sono spesso insufficienti all’interno della dieta macrobiotica.

12/09/2022

Stai lasciando l'area PAG

Ora sarai reindirizzato su un contenuto dell'area pubblica