It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

L’adozione di adeguate misure di prevenzione è fondamentale per limitare il rischio di sviluppo del melanoma. Tra queste, una costante attenzione ai tempi e ai modi dell’esposizione solare, non solo durante il periodo estivo. Abbiamo parlato di questo argomento con la Professoressa Maria Concetta Fargnoli, Direttore UOC Dermatologia Generale ed Oncologica presso ASL 1 Abruzzo e Professore Ordinario di Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi dell’Aquila.

Il melanoma: l’importanza della prevenzione.

Il melanoma è un tumore maligno che si sviluppa a partire dai melanociti, le cellule che producono la melanina, presenti nello strato basale dell’epidermide. A livello morfologico, questa neoplasia risulta essere molto variabile e, spiega Fargnoli, “si manifesta più frequentemente sul dorso nel sesso maschile ed a livello degli arti inferiori nel sesso femminile”. Riguardo ai tassi di incidenza in Italia, al momento “sono pari a 11-12 nuovi casi all’anno su 100.000 persone, riporta Fargnoli. Il melanoma si manifesta prevalentemente tra i 40 ed i 50 anni nella popolazione femminile e tra i 50 e i 60 anni in quella maschile”.

La mortalità per melanoma è correlata in ogni Stato al livello di diffusione di campagne di prevenzione e di screening, perché permettono di intercettare la malattia in uno stadio precoce, offrendo la possibilità di una maggiore efficacia di intervento e cura. Da questo punto di vista, Fargnoli sottolinea che “nell’ultimo decennio, in Italia è stata registrata una lieve diminuzione del tasso di mortalità nel sesso maschile e una sostanziale stazionarietà in quello femminile, con valori intorno a 2-3/100.000/anno”.

Il post estate e i danni del sole

Fra i fattori che aumentano il rischio di sviluppare il melanoma, è ormai chiaro l’importante ruolo che ricopre l’esposizione ai raggi solari, come testimoniano i dati epidemiologici connessi a questi diversi aspetti:

  • area geografica: aumento dell’incidenza al diminuire della latitudine;
  • caratteristiche fenotipiche dei pazienti: rischio aumentato negli individui di pelle chiara e fototipi specifici;
  • sede di insorgenza: aumento del rischio nelle regioni corporee più esposte al sole.

I danni determinati dalle radiazioni ultraviolette possono essere diversi e dipendono dal tipo di radiazioni:

  • radiazioni UVB, con lunghezza d’onda di 280-320 nm, si limitano a raggiungere lo strato basale dell'epidermide e causano le cosiddette "scottature" tipiche dell’estate;
  • radiazioni UVA, con lunghezza d’onda di 320-400 nm, penetrano più in profondità nel derma, contribuendo al fotoinvecchiamento.

Un altro elemento conclamato di rischio è rappresentato dalle lampade o lettini solari, che per questo motivo sono stati classificate dallo IARC (International Agency for Research on Cancer) come agenti carcinogeni di gruppo 1 e quindi vietati sotto i 18 anni.

Come effettuare la prevenzione

Il controllo delle lesioni pigmentate è una pratica fondamentale, che può essere gestita anche grazie all’autoesame della cute. Ma quali sono le tempistiche e le modalità migliori da adottare? Secondo Fargnoli, “l’autoesame ha un ruolo fondamentale nella prevenzione del melanoma e va svolto in maniera metodica e costante, sia prima che dopo l’estate. Mensilmente o ogni due mesi il paziente dovrebbe ispezionare tutta la sua superficie corporea, potendo anche avvalersi di un supporto fotografico, per individuare l’eventuale insorgenza di nuove lesioni o cambiamenti di quelle pre-esistenti, seguita tempestivamente da una visita specialistica”.

Durante l’autoesame, è importante saper identificare il segnale del cosiddetto “brutto anatroccolo”, un neo con caratteristiche diverse da tutti gli altri, e attenersi alla regola dell’ABCDE (Asimmetria, Bordi irregolari, Colore disomogeneo, Dimensioni > 6 mm, Evoluzione) per individuare le lesioni da monitorare con molta attenzione, con particolare riferimento a quelle che cambiano rapidamente.

Non appena si scopre qualche anomalia, bisogna rivolgersi subito a un dermatologo. Le regolari visite di controllo sono fondamentali per tutti, ma vanno effettuate “possibilmente prima della stagione estiva, soprattutto negli individui di carnagione più scura - indica Fargnoli - nei quali le lesioni cutanee possono subire dei cambiamenti, spesso transitori, con l’esposizione solare”. Questa indicazione è spiegata dal fatto che nei pazienti con carnagione più scura, a differenza di quelli con pelle chiara, i nei sono più scuri e l'abbronzatura tende a essere più forte e, quindi, a impedire una chiara visione della struttura dei nei attraverso la dermatoscopia, perché diventano tutti neri e possono sembrare più pericolosi di quanto effettivamente siano.

Screening dermatologico: strumento salvavita anche per i giovani

La possibilità che il melanoma sviluppi metastasi, invadendo altri organi del corpo, è direttamente correlata al suo spessore; prima si riesce a intervenire, migliori sono le possibilità di cura e guarigione, in caso di assenza di metastasi.

Lo screening dermatologico assume, quindi, il valore di una pratica salvavita. Fargnoli avverte che “la visita dermatologica è raccomandata non solo agli adulti ma anche ai giovani a partire dalla pubertà (13-14 anni). Tutti dovrebbero sottoporsi a controlli regolari con cadenza annuale - ricorda Fargnoli - ma in presenza di fattori di rischio, la frequenza del follow-up deve essere ridotta. Lo specialista, oltre alla visita clinica, si avvale di tecniche diagnostiche non invasive quali la dermatoscopia, in cui attraverso uno strumento munito di luce e di lente è possibile vedere strutture non percepibili ad occhio nudo, aumentando considerevolmente la capacità diagnostica”.

I consigli della dermatologa per proteggere la pelle

Per salvaguardare il più possibile la salute della pelle, i comportamenti da adottare comprendono:

  • l’esposizione controllata al sole, già dall’infanzia;
  • evitare l’esposizione al sole nelle ore centrali della giornata;
  • utilizzare indumenti fotoprotettivi, come cappello, occhiali, magliette;
  • utilizzare creme solari ad alta protezione (SPF 50), che contengano filtri anti-UVB e anti-UVA;
  • evitare il ricorso a lampade/lettini solari.

Le persone a rischio devono essere particolarmente attente a svolgere controlli dermatologici in maniera regolare. In questa categoria rientrano, come precisa Fargnoli, individui “con storia familiare o personale di melanoma, quelli con carnagione, occhi e capelli chiari, coloro che presentano un elevato numero di nevi, che hanno o hanno avuto un’esposizione solare o a sorgenti artificiali non corretta o che fanno terapie oncologiche ed immunosoppressive”.

Alla luce di queste evidenze, risulta veramente essenziale prendersi cura della propria pelle e non rimandare le visite.

Per ulteriori informazioni: https://www.alleatiperlasalute.it/oncologia/melanoma/oltre-la-pelle