It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Che cos’è la sindrome metabolica?

Per sindrome metabolica si intende la compresenza di alcuni fattori di rischio, quali obesità, ipertensione e trigliceridi alti, che possono favorire lo sviluppo di malattie cardiovascolari, diabete e tumori (tra cui quelli a seno, prostata, fegato).

Chi è affetto da sindrome metabolica ha il doppio delle possibilità rispetto agli altri di sviluppare malattie cardiache e un rischio cinque volte maggiore di ammalarsi di diabete.

Epidemiologia

Si stima che nel mondo occidentale, in particolare in Europa e Stati Uniti, sia affetto da sindrome metabolica oltre il 35% delle persone sopra i 50 anni; le donne sono più colpite degli uomini, specialmente dopo la menopausa.

Si stima che nel mondo occidentale, in particolare in Europa e Stati Uniti, sia affetto da sindrome metabolica oltre il 35% delle persone sopra i 50 anni; le donne sono più colpite degli uomini, specialmente dopo la menopausa.

Quali sono i sintomi più comuni della sindrome metabolica?

La sindrome metabolica non presenta sintomi specifici, ma può essere riconosciuta da alcuni segnali. Tra questi ci sono l’obesità e l’adiposità addominale, ossia l’accumulo di grasso nell’addome. Quest’ultimo, in particolare, predispone ad alcune patologie, quali l’ipertensione, il diabete, il fegato grasso, la malattia coronarica, la gotta, l’insufficienza renale, la dislipidemia (alterazione del colesterolo nel sangue), oltre a favorire problemi respiratori durante il sonno, come l’apnea notturna.

Nelle donne è anche causa di sindrome dell’ovaio policistico; negli uomini può provocare disfunzione erettile.

Cerca e consulta i contenuti relativi a questa area terapeutica

sindrome metabolica

Quali sono le cause della sindrome metabolica?

Il rischio di sviluppare la sindrome metabolica aumenta in presenza dei seguenti fattori: obesità addominale, colesterolo ldl e trigliceridi alti, colesterolo Hdl (il cosiddetto colesterolo buono) basso, resistenza all’insulina e conseguente iperglicemia, iperuricemia (eccesso di acido urico nel sangue), ipertensione.

A questi vanno aggiunti altri fattori come l’età avanzata, la predisposizione genetica, la scarsa attività fisica e la familiarità con il diabete.

L’insulino-resistenza

La resistenza all’insulina è ritenuta la causa principale della sindrome metabolica. L’insulina è un ormone prodotto dal pancreas che controlla il trasporto del glucosio dal sangue alle cellule. In caso di insulino-resistenza, i livelli di glucosio nel sangue crescono in modo errato.

 

Diagnosi

Per la diagnosi di sindrome metabolica è necessaria la compresenza di almeno tre fattori di rischio sopra elencati. Generalmente, il grasso addominale è considerato patologico quando si superano i 94 cm di circonferenza negli uomini e gli 80 cm nelle donne.

Prevenzione

Svolgere attività fisica regolare e mantenere il giusto peso corporeo sono due regole essenziali per la prevenzione della sindrome metabolica. Per una corretta dieta alimentare è consigliabile consumare molta frutta e verdura e limitare cibi e bevande calorici.