It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Che cos’è il melanoma?

Il melanoma è un tumore maligno della pelle che ha origine da un errore genetico nei melanociti, le cellule che producono la melanina, responsabile quest’ultima della colorazione della nostra cute. I melanociti sono presenti in quantità maggiore nei nei; tra le cause che possono provocare la loro riproduzione disordinata ci sono l’esposizione al sole e ai raggi UV.

Il melanoma può manifestarsi in qualsiasi porzione di cute, con una maggiore incidenza sulle gambe per le donne e sul dorso per gli uomini, e può formarsi a partire da un neo o ex-novo. Altre sedi in cui può svilupparsi, ma più raramente, sono occhi, unghie, bocca, genitali.

Epidemiologia

Il melanoma cutaneo è uno dei tumori più comuni che si possono sviluppare sotto i 50 anni; rappresenta il 9 per cento dei tumori giovanili negli uomini e il 7 per cento nelle donne. Colpisce in particolare le persone con una pelle chiara.

In Italia, la malattia ha visto negli ultimi anni un trend di incidenza in crescita costante: l’aumento è statisticamente significativo sia nei maschi (+ 4,4% per anno), sia nelle donne (+3,1% per anno).

Quali sono le manifestazioni più comuni del melanoma?

Rispetto a un normale neo, il melanoma presenta alcune caratteristiche morfologiche precise. Innanzitutto l’asimmetria e i bordi frastagliati. Inoltre, mentre i nei hanno un colore unico e omogeneo, il melanoma può avere diversi colori. Anche il diametro è un elemento da tenere in considerazione: solitamente i nei raggiungono un diametro massimo di 6 mm, i melanomi sono invece più grandi. Da tenere d’occhio, infine, l’evoluzione di qualsiasi neo o macchia sulla pelle: se cresce molto rapidamente, potrebbe trattarsi di un melanoma.

 

Cerca e consulta i contenuti relativi a questa area terapeutica

melanoma

Quali sono le cause del melanoma?

I motivi per cui i melanociti si trasformano in tumore non sono ancora del tutto noti. Esistono però dei fattori di rischio che predispongono alla malattia. Prima di tutto, l’eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti, provenienti dal sole e dalle lampade solari: essi possono danneggiare il DNA delle cellule cutanee.

I soggetti più predisposti al melanoma cutaneo sono quelli con occhi, capelli e pelle chiari, soggetti con molti nei e lentiggini, o che abbiano casi di tumore di questo tipo in famiglia.

Melanomi più rari

Quando colpisce gli occhi, il melanoma si accompagna a disturbi della vista e può essere individuato tramite una visita oculistica. Più difficili da individuare sono i melanomi che si sviluppano in altre parti del corpo, meno visibili a occhio nudo, ad esempio sotto le unghie o dentro la bocca.

Prevenzione

Quando ci si espone al sole e alle lampade UV, è bene usare le creme protettive. È inoltre opportuno effettuare periodicamente un'attenta autoispezione dei nei della pelle, e se si riscontra un’anomalia, farsi visitare quanto prima dal proprio dermatologo.